Pensione Conigli Nani a Prato

imageLa Stalla dei Conigli offre servizio di pensione per conigli e cavie tutto l’anno!

 

Servizio ALL INCLUSIVE: fieno, mangime e lettiera sono inclusi, per alimenti particolari invece portare quelli che mangia il coniglietto  in questione e verranno somministrati.

 Tariffe 2020

Conigli provenienti da La Stalla dei Conigli €6,00 al giorno

Altro €8,00 al giorno

Gabbia di 75 x 60 cm

Puoi già prenotare il posto per il tuo coniglio!
allevamentoarietenano@gmail.com 3381088047

Siamo a Prato, in Toscana




I consigli della Veterinaria – Alimentazione: Falsi miti e verità

ALIMENTAZIONE DEL CONIGLIO DA COMPAGNIA: falsi miti e verità

C’è chi associa l’alimentazione di “Bunny” alle sole carote e chi al solo pellet.

Ma è proprio vero? Iniziamo a sfatare alcuni falsi miti e a vederci chiaro.

Il coniglio è un erbivoro obbligato e il suo apparato gastroenterico è adatto all’ingestione di elevate quantità di fibra con la dieta. Il consumo di vegetali ad alto tenore di fibra è indispensabile per il consumo corretto dei denti, per stimolare la motilità gastroenterica, per evitare che prenda il sopravvento una flora batterica patogena e per favorire la corretta formazione del ciecotrofo.

Da queste poche righe possiamo iniziare a comprendere come la salute del nostro coniglietto passa anche attraverso la sua alimentazione. Infatti i conigli selvatici impiegano la maggior parte del loro tempo a mangiare alimenti ad alto contenuto di fibra e basso tenore energetico.

fieno Bio Elisir

Fieno Biologico Elisir

La fibra, come abbiamo detto, stimola la motilità gastroenterica e, se insufficiente, può portare a un rallentamento della motilità gastrointestinale e quindi l’animale può andare incontro a stasi gastroenterica o “blocco”; oppure si possono sviluppare batteri pericolosi che causano diarrea e possono portare a morte l’animale.

Cosa vuol dire tutto questo? Vuol dire (e mi preme ripeterlo più volte) che, affinché l’apparato gastrointestinale del nostro coniglietto funzioni bene, la sua alimentazione dev’essere ricca di fibra così come lo sarebbe in natura. Quindi guardiamo più da vicino cosa mangiano i conigli in natura.

La loro alimentazione è costituita prevalentemente da alimenti semplici come erba e piante erbacee, foglie e anche corteccia. L’erba fornisce al coniglio il giusto equilibrio tra proteine, fibre, vitamine e minerali. Questa dieta viene integrata con l’assunzione del ciecotrofo. Queste “palline” di feci molli, provenienti dal cieco, sono eliminate e reingerite dal coniglio direttamente dall’ano appena emesse e sono più morbide e coperte di muco e ricche di sostanze nutritive prodotte dalla flora batterica intestinale. Quindi migliora la “nutrizione” del coniglio in quanto contiene acidi grassi volatili, vitamina B e K.

Alimento complementare con Camomilla, Malva e Timo

Alimento complementare con Camomilla, Malva e Timo

La cosa ideale da fare è cercare di mantenere anche nelle nostre case un’alimentazione adeguata che si avvicini il più possibile a quella del coniglio selvatico. Come possiamo fare questo?

Somministrando al nostro coniglietto erba e/o fieno a volontà ricordando che il fieno di erba medica, essendo ricco di calcio, è sconsigliato dopo i 6 mesi di età.

Possiamo integrare la loro dieta con le verdure. Vediamo nello specifico quali verdure: sono adatti tutti i tipi di verdure destinate all’alimentazione umana ma, anche nel caso delle verdure, sono preferibili quelle ricche di fibra quindi vanno bene, per esempio, radicchio, finocchio, sedano, coste, foglie di carota, ciuffi di finocchio, ecc…

Anche la carota si può somministrare evitando eccessi.

E’ sconsigliata la somministrazione dell’insalata brasiliana essendo ricca di acqua ma povera di fibra perché è un alimento con uno scarso valore nutritivo e ricordiamo che le brassicacee e gli spinaci (ricchi di ossalati) sono da offrire in quantità moderata. Sono da evitare le patate (in quanto NON sono da considerare verdure), le parti verdi delle patate, pomodoro e melanzana. Ugualmente alimenti molto ricchi di calcio, così come l’erba medica, vanno evitati o ridotti. Sono ricchi di calcio anche il tarassaco e alcune erbe aromatiche.

Un concetto importante da tenere sempre bene in mente è che qualsiasi cambio di alimentazione nel coniglio va effettuato con molto gradualità e quindi anche l’introduzione stessa delle verdure va fatta molto gradualmente per evitare problemi. Devono essere privi di pesticidi e/o fertilizzanti e, prima di essere offerti all’animale, vanno lavati e somministrati a temperatura ambiente.

La frutta va invece somministrata in quantità ridotte in quanto è molto zuccherina e potrebbe predisporre obesità e/o fermentazione intestinale atipica. Inoltre, quando questi problemi sono già presenti, andrebbe limitata molto o eliminata sotto consiglio del medico veterinario.

Il pellet deve costituire un’integrazione ma non deve mai essere considerato l’unico alimento per il nostro coniglietto in quanto la fibra al suo interno non ha la lunghezza necessaria per stimolare la motilità gastroenterica. Inoltre non favorisce il corretto consumo dentale in quanto non stimola una masticazione corretta necessaria a questo scopo. Il pellet dev’essere somministrato in quantità limitata e ridotto o eliminato in caso di obesità. Ovviamente sono da evitare i pellet contenenti cereali o semi. Inoltre, se i pellet sono somministrati ad libitum, l’assunzione di erba e fieno subirà un calo e questo potrà determinare problemi gastroenterici e dentali e favorire l’obesità, la noia e determinare possibili problemi comportamentali.

Gli alimenti assolutamente da evitare sono le miscele di semi, cereali, mais, carrube, fiocchi di cereali, la frutta secca, i carboidrati come pane, grissini, dolci, la cioccolata che possono portare allo sviluppo di batteri pericolosi, l’avocado che è considerato tossico e, come abbiamo già detto, le patate, le parti verdi delle patate, pomodoro e melanzana.

Di Stefania PalettaMedico Veterinariocopertina_-stefania

In collaborazione con Elisir – Azienda specializzata nella produzione di fieno biologico e erbe officinali per l’alimentazione dei conigli www.fienobio.it




Vademecum.. non fatevi inc****e

In tanti ci chiamate ogni giorno da ogni parte d’Italia, e noi vi aspettiamo a braccia aperte! Grazie davvero a chi ogni settimana si fa tanti km per arrivare a La Stalla, non smetterò mai di ringraziarvi perché è davvero una delle più belle soddisfazioni! Ma veniamo al dunque.. a volte la Stalla è davvero troppo lontana.. come si fa?

Scegliere un cucciolo di coniglietto fa schifo, se non sai come farlo! Ecco le 6 mosse per non farsi fregare già in partenza.

1) se il coniglio è poco più grande di una mano ha 2/3 mesi! Non rimarrà così come chi ve lo sta vendendo vi promette. I conigli finiscono lo sviluppo verso gli 8 mesi e in media pesano 1,5kg/1,8kg a seconda della razza, selezione, ceppo di provenienza, e serietà dell’allevamento in cui si prendono (Non sempre un allevamento è una garanzia in quanto purtroppo per tanti basta far “ciccia” è più grossi sono e più ne fanno.) A volte nei negozi si trovano anche i classici conigli di 4 kg spacciati per nani. 

2) attenzione se ve lo vendono vaccinato o no! In tanti propongono conigli vaccinati al prezzo di quelli non vaccinati. I vaccini costano e sono validi se con il coniglio vengono consegnati libretto sanitario con numero di serie del vaccino e firma del veterinario. Altrimenti poi magari il cucciolo vi muore di mev o mixo (ma era vaccinato😅) In assenza di lotto del vaccino e firma del veterinario ripete la vaccinazione.

3) controllare la parte dell’ano. I cuccioli in età dello svezzamento sono spesso pieni di coccidi, in allevamenti, negozi o mercati in cui non vengono fatti trattamenti di prevenzione frequenti questo è un grosso problema. Spesso causa feci molli che si attaccano al pelo intorno all’ano e pancia gonfia.

4) controllare i denti! È facile anche per chi non è esperto. I denti di sopra devono “chiudere” davanti a quelli di sotto. Se la chiusura è pari probabilmente con la crescita si sistemeranno. Se è inversa non ci sarà niente da fare, se non operarlo!

5) il pedigree è valido solo con tatuaggio auricolare del coniglio con codice allevamento e numero matricola e certificato timbrato dall’anci (ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONIGLICOLTORI ITALIANI) l’unica ente che in Italia può rilasciare certificati di razza per tutte le razze riconosciute dal registro anagrafico. Le razze nane riconosciute sono 3 e sono: Ariete Nano, Nani Colorati ed Ermellino. Chiunque vi proponga un pedigree di un coniglio che non rientra in queste 3 razze e non vidimato dall’ANCI vi sta truffando ed è passibile di denuncia!!

6) Vai da un veterinario esperto in animali esotici appena prendi il coniglio per assicurarti che sia in salute. (Noi siamo in grado di garantire che i nostri cuccioli possano arrivare tranquillamente fino al vaccino senza controlli e quindi farvi risparmiare circa 40€ del controllo oltre alle circa 25€ del trattamento parassiti) Come si dice.. meglio aver paura che buscarne! 

Potete sennò adottare uno dei tanti coniglietti in cerca di casa delle tante associazioni sparse sul territorio. 

Non fatevi fregare! Più che altro perché poi ci si affeziona e ci si resta male.
Buona scelta!

Lorenzo 

Allevatore La Stalla dei Conigli


Per le consegne spedizione Gratis su www.lastallashop.it

Novità per le consegne! Spedizione gratuita da 50€ per il primo acquisto su www.lastallashop.it e consigli per i primi acquisti (come se foste venuti in allevamento)! Così potrete far trovare tutto pronto all’arrivo del vostro coniglietto, con i fieni e il pellet che amava alla Stalla!  Chiedici il tuo buono personalizzato da inserire al carrello.

E anche per chi viene in allevamento un -10%  sugli acquisti di alimenti accessori il giorno del ritiro, con un minimo di spesa di €50,00. Valido anche su molti prodotti già ad offerte incredibili!


Attenti ai Falsi – Diffidate dalle imitazioni! 

Come tutti i brand che si rispettino anche la Stalla gode di ottime contraffazioni! A volte è troppo facile copiare un sito appropriandosi del lavoro altrui ma l’allevamento non è un sito, il sito è il frutto di 10 anni di lavoro e di selezione morfologica, comportamentale e focalizzata sulla salute degli animali e la pulizia dell’ambiente in cui vivono! Molto spesso la gente storce il naso quando sente un prezzo alto, non sapendo che il coniglio è uno degli animali più difficili da allevare (si i vostri nonni li avevano ma infatti appena stavano male finivano in pentola ed era tutto risolto) se si devono rispettare certi standard di salute e di pulizia dell’ambiente, e dell’ambiente stesso in cui vivono. (In angusti garage sotto terra o sotto tettoie in giardino non sono da chiamarsi nemmeno allevamenti!) A La Stalla i conigli hanno un magazzino di 100mq in muratura climatizzato estate ed inverno e vengono puliti TUTTI i giorni. Ecco una parte della nostra formula segreta! Non di rado intere famiglie si ammalano di tigna, prendendo i conigli in allevamenti sporchi, improvvisati, perché hanno visto il sito della Stalla e hanno pensato di arricchirsi facendo un lavoro che tutto porta, tranne ricchezza, comprando 2/3 fattrici e sacrificandole fino alla morte per avere più cuccioli possibile e dando alle famiglie un grosso problema che poi cercano di fare risolvere a noi! (Eh no belli! Chi è causa del suo mal pianga se stesso!) Dispiace più che altro per le fattrici e i malcapitati, e viene in mente sempre la famosa frase del diavolo veste Prada: Andrea non essere sciocca, tutti vogliono essere noi!
Buona Scelta! 

Lorenzo 

#seèdellastallasivede

http://www.allevamentoconigliarietenano.it


Pet Shops, no grazie!

Da sempre, La Stalla dei Conigli è contraria alla vendita dei conigli nelle vetrine dei negozi. Sia per i conigli stessi, che ne fine settimana vengono accerchiati da bambini intenti a battere sui vetri per farli muovere (motivo di forte stress per loro) sia perché vogliamo, e ci teniamo fortemente a dare tutte le giuste informazioni per la gestione direttamente al proprietario, senza nessun intermediario che molto spesso è una persona che non si intende del coniglio che si trova a vendere nel mega store di turno, rifornito da fabbriche di cuccioli, destinati ad avere un codice a barre con il prezzo attaccato sulla propria vetrina.

Da noi i piccoli stanno con la propria mamma fino al giorno in cui andranno a vivere nella nuova famiglia, subendo così solo una volta il cambio di ambiente e di alimentazione (per chi non sceglie di alimentarli con i nostri prodotti) e chi viene può vedere gli adulti e la loro dimensione massima e TUTTO l’ allevamento (molto importante, esigetelo sempre!)

Se l’etica con cui vengono tenuti e allevati gli animali, le garanzie di razza e salute non vi interessano La Stalla dei Conigli non fa al caso vostro! Vogliamo che i nostri cuccioli vadano a vivere in famiglie che li hanno fortemente voluti ed informate sulla gestione e l’alimentazione di questi piccoli erbivori, evitando di alimentarli con le porcherie che si trovano ancora (purtroppo) in vendita!


☎️☎️Vorrei avere alcune informazioni.. 

☎️Salve, ho trovato il vostro numero sul sito dell’allevamento.. vorrei chiedervi alcune informazioni:

📞Salve, si.. mi dica

☎️Che cuccioli avete Disponibili? 

📞(Versione Web) le foto con le disponibilità aggiornate le trovate a questo link -> https://allevamentoconigliarietenano.it/cuccioli-disponibili/

☎️Ma quanti giorni hanno? 

📞50 / 60 giorni! I coniglietti lasciano l’allevamento solo una volta completato lo svezzamento! È molto importante farli stare con la mamma e i fratellini fino a quell’età.

☎️ Ah.. ma restano come in foto oppure crescono? 

📞 Crescono! A seconda delle razze. Fino ad 1,8/2kg di peso

☎️Ah.. Ma pensavo fossero nani!

📞 I conigli, per quanto piccoli non sono da attribuirsi all’aggettivo nano, o meglio, nano non vuol dire microscopico! È giusto anche non scendere sotto un certo peso con la selezione per evitare problemi legati alla taglia troppo ridotta! (Questo non vuol dire accoppiare conigli di 3kg per avere più cuccioli spacciandoli per nani come fanno in molti)  Ã¨ importante comunque rimanere nel peso imposto dallo standard italiano.

Ma avete consegne nella mia città? 

📞  Le città in cui consegnamo sono indicate alla fine di questa pagina -> https://allevamentoconigliarietenano.it/cuccioli-disponibili/

In ogni caso potete raggiungerci in treno o in auto tutti i giorni, su appuntamento. Possiamo venire a prendervi in stazione anche a Prato Porta al Serraglio, Raggiungibile facilmente da Firenze Santa Maria Novella, dove fermano freccia e Italo!

☎️ Ultima domanda e poi vi lascio.. Sono Vaccinati? 

Li consegnamo con il trattamento per la coccidiosi di effettuato, principale causa di morte nei cuccioli di conigli! La vaccinazione potrà essere fatta verso i tre mesi e andrà ripetuta poi una volta l’anno per tutta la vita del coniglio!

Attenzione! Prima di farvi fregare e farvi vendere un coniglio vaccinato (?) controllate che sul libretto ci siano timbro e firma del veterinario e lotto del vaccino, prima di ritrovarvi con il coniglietto morto per MeV o Mixo e con il furbone che ve l’ha venduto che vi racconterà qualche palla, e intanto continuerà  a fregare il prossimo, alla faccia vostra!

☎️Grazie e arrivederci (molto gentile?)

📞 Grazie a lei.. arrivederci
Vi sono rimaste altre domande? Siamo qui per voi.. Se non rispondiamo subito insistete, non disturbate! Vediamo che sempre più persone sono già esperte quando arrivano alla Stalla e questa è la cosa più bella, perché vuol dire che il coniglietto andrà in una famiglia che ha ponderato la scelta e sa a cosa va incontro. Cercando di trattarlo al meglio per tutta la sua vita! Se vorrete vi saremo vicini anche dopo, fornendo ottimi alimenti ed accessori su misura di coniglio grazie a www.lastallashop.it che in 24/48 ore vi raggiunge in tutta Italia, ovunque voi siate!

3381088047 – allevamentoarietenano@gmail.com

Info sulle Prenotazioni: https://allevamentoconigliarietenano.it/prenota-con-acconto/



Cinque miti veterinari sul coniglio da sfatare

nicCinque miti veterinari sul coniglio da sfatare

Nicola Di Girolamo, Medico Veterinario, MSc, DiplECZM(Herp)

Clinica per Animali Esotici, Roma

nicoladiggi@gmail.com

https://www.facebook.com/nicoladiggi

  1. L’anestesia gassosa è più sicura.

Questo è uno dei miti più radicati nella comunità dei proprietari di conigli. Tantissime persone mi chiamano e chiedono se faremo “l’anestesia gassosa” al coniglio, convinti che questo sia un sinonimo di qualità.

È vero che, negli anni passati, l’anestesia gassosa non si trovava in tutte le strutture veterinarie, perché più costosa di oggi. E quindi per una struttura veterinaria, avere l’anestesia gassosa era un sinonimo di qualità. Ormai però l’anestesia gassosa si trova nella maggior parte delle strutture veterinarie e, cosa più importante, per molte procedure comuni quali ad esempio il pareggiamento dentale e la castrazione dei maschietti l’anestesia gassosa potrebbe essere controindicata e più pericolosa di un’anestesia fatta con dei farmaci specifici.

Quindi una domanda da fare per capire se l’anestesia del nostro coniglio sarà sicura, è piuttosto “se necessario intuberete il coniglio? E come?”, visto che l’intubazione tracheale è una procedura fondamentale nel caso in cui il coniglio abbia problemi anestetici e idealmente dovrebbe essere eseguita con uno strumento specifico, l’endoscopio.

  1. La temperatura nel coniglio non è importante

Per anni hanno insegnato che la temperatura del coniglio non fosse importante. Non è cosi, anzi tutto il contrario. Uno studio recente (link) pubblicato su una nota rivista americana ha confermato che conigli che hanno una temperatura bassa sono a rischio di vita. Quindi è fondamentale che il vostro veterinario prende sempre la temperatura del coniglio, quando ha dei problemi o quando fa una visita di controllo.

  1. Il coniglio deve fare almeno una cucciolata prima di essere sterilizzato

Questo è un altro mito molto diffuso. Non è provato nessun beneficio da una gravidanza, ne dal punto di vista medico, ne dal punto di vista comportamentale della coniglietta. Piuttosto il parto è un evento che può essere pericoloso e portare alla morte della coniglietta, che deve essere gestito da persone esperte. Quindi, visto il rischio di tumori uterino anche in giovane età (anche in coniglie di 2 anni!), la sterilizzazione dovrebbe essere pianificata intorno i 7-8 mesi di vita. Per non parlare del rischio di prolassi uterini in coniglie dopo il parto.

  1. Un alimento più duro e il legno da rosicchiare, favorisce il consumo dei denti

Ricordate che è il fieno che, grazie alle lunghe fibre, necessita una masticazione ripetuta che aiuta a prevenire i disordini dentali. Il fieno è anche importantissimo per garantire una corretta digestione. Una corretta alimentazione basata sul fieno permette di diminuire il rischio di disordini dentali

  1. Il coniglio è più a rischio di ingestione di peli e di blocchi intestinali d’estate

Questa diceria si basa sull’idea che la muta estiva sia più imponente nel coniglio e che leccandosi il coniglio vada ad avere un rischio maggiore di blocchi intestinali causati dal pelo.  In realtà il coniglio ha lo stesso rischio di avere dei blocchi intestinali in tutte le stagioni come dimostrato da uno studio recente (link). Quindi si deve essere ugualmente attenti anche d’inverno ai possibili blocchi intestinali. D’estate chiaramente faremo piu attenzione alle alte temperature che sono molto pericolose.

 

img_3635


Ariete Nano Martora Blu 

ARIETE NANO MARTORA BLU

La Colorazione Martora Blu

Curiosità: i cuccioli di Ariete Nano Martora Blu nascono completamente blu, solo crescendo e dopo la prima muta il colore sarà quello definitivo. Cioè blu sul muso, naso, orecchie, zampe, coda e grigio sfumato sul corpo con una parte leggermente più scura dalla corona alla coda.









Siamo all’EUROPEA di METZ

Questo fine settimana La Stalla è Chiusa! Torneremo con dei meravigliosi coniglietti provenienti dai migliori allevamenti europei! 

Vi aspettiamo (su appuntamento per chi è davvero interessato) il prossimo fine settimana! 



IL PESO DEL CONIGLIO NANO

 

 Quanto pesa un coniglio nano?

I conigli di Razza Nani Colorati ed Ermellino sono i conigli più piccoli di tutte le 42 razze riconosciute in Italia. Il loro peso si aggira intorno al kg ma possono arrivare anche ad 1,5kg.

I conigli Testa di Leone non hanno uno standard di razza in Italia ma i nostri sono molto piccoli, anche il loro peso si aggira intorno ad 1-1,4 kg

Il peso ideale per un Ariete Nano varia da 1,5 ad 1,8kg anche se per standard possono raggiungere i 2,25kg di peso.

Il peso non cambia in base alla colorazione ma in base alle diverse razze.

Alla Stalla ci teniamo molto che i coniglietti rispecchino il peso ideale dello standard, per questo abbiamo in allevamento molti conigli provenienti dall’Olanda (paese in cui lo standard prevede il peso più basso). Purtroppo molti conigli spacciati per nani (anche da allevamenti) si rivelano poi di taglia più grande. Questo perché conigli più grandi sono più robusti, più facili da allevare e le fattrici riescono a fare più cuccioli delle coniglie nane.


Standard Conigli Ariete Nano, Nano Colorato ed Ermellino

Le nostre razze

Standard ARIETE NANO

pezzatp2

Coniglio razza Ariete Nano colorazione Grigio Lepre pezzato.

Standard italiano delle razze cunicole: CATEGORIA RAZZE LEGGERE.
Peso: 1,5 kg.

Vengono chiamate Ariete tutte le razze di conigli con orecchie cadenti ai lati della testa e incapaci di movimento.

La razza “Ariete Nano” (o Ariete Olandese) è stata riconosciuta nel 1980 ed è la razza Ariete di taglia più piccola. E’ stata selezionata in Olanda partendo da Arieti Francesi e Inglesi e conigli Nani.

1. Tipo e forma del corpo

Il tipo Ariete deve essere bene espresso in miniatura. Su una equilibrata ossatura stanno forti parti muscolari, in proporzione alla taglia. Il collo non è visibile, la nuca è corta. Le zampe sono corte, forti e diritte; quelle anteriori poggiano leggermente.

2. Peso

Il peso ideale è uguale od inferiore a 1,75 kg ed è ammesso sino ad 2,25 kg

3. Pelliccia

La pelliccia è folta e il pelo di lunghezza media.

4. Conformazione della Testa

La testa è larga, fortemente sviluppata e caratterizzata dal tipico naso convesso dellAriete. La fronte è particolarmente larga. Gli occhi sono grandi e leggermente sporgenti.

5. Orecchie

Le orecchie, carnose e pelose, cadono a forma di ferro di cavallo. La loro lunghezza (misurata in leggera tiratura sulla testa, orizzontalmente) va da cm. 24 a cm. 28, ed è in ogni modo proporzionata alla lunghezza del corpo. All’attacco delle orecchie deve essere ben formata la caratteristica corona.

6. Disegno e Colore

L’ Ariete Nano è ammesso in tutte le colorazioni, escluso l’ argentato. Per le singole colorazioni sono valide le descrizioni delle norme generali. Inoltre sono ammessi soggetti pezzati con pezzatura a mantello, che prevede la copertura di spalle, dorso e parti posteriori del corpo. Testa, orecchie e corona sono ugualmente colorate. La farfalla è grossolana e lascia scoperta la mascella inferiore. Sono ammesse piccole macchie sulla testa e sulle spalle.

7. Presentazione

I soggetti non devono essere: sudici, ansimanti, anemici, sciancati, affetti da lacrimazione, sottoposti a manipolazioni tendenti a trarre in inganno la giuria, recanti tracce di tatuaggio recente o femmine a fine gravidanza.

Non devono avere: infiammazione ai genitali, zampe ulcerate, parassiti, croste nelle o sulle orecchie, muso e zampe.

Difetti Leggeri

Corpo allungato; conformazione debole della testa; corona poco pronunciata; orecchie sottili, piegate e mal portate; punte leggermente dentellate; pieghe di pelle sulle cosce; disegno slegato del mantello; muso chiaro.

Difetti Gravi

Mancanza di tipicità dell’Ariete; corpo troppo lungo; muscolatura troppo debole; testa eccessivamente fine; corona mancante; temporaneo portamento eretto di una o ambedue le orecchie; lunghezza complessiva delle orecchie inferiore a cm. 24 o superiore a cm. 28; pelliccia floscia; prevalenza del color bianco nei soggetti pezzati, soggetto sessualmente non completamente sviluppato in rapporto alla categoria di presentazione in mostra.

Standard conigli Nani Colorati

Schermata 2016-04-24 alle 15.13.13

Coniglio razza Nano Colorato colorazione Blu.

1. Tipo e forma del corpo

Il tipo nano deve essere evidente. Il corpo è raccolto, corto e arrotondato, egualmente largo davanti e dietro. Le zampe sono corte ed esili. La coda piccola perfettamente aderente.

 

2. Peso

Il peso ideale è uguale od inferiore a 1,2 kg ed è ammesso sino ad 1,5 kg

 

3. Pelliccia

La pelliccia è fine, folta e con poca giarra. Il pelo è corto.

 

4. Testa e orecchie

La testa è in confronto al corpo forte e ben salda alle spalle, di forma quasi sferica; la fronte è larga cm. 5,5 nel maschio e cm. 5 nella femmina; le orecchie sono ben diritte e la loro lunghezza massima è di cm. 6, sono fini e pelose; gli occhi sono molto grandi, tondi e ben aperti.

 

5. Sovracolore e lucentezza

Sono ammesse tutte le colorazioni delle varie razze medie e piccole riconosciute, escluse le razze pezzate. Sono inoltre ammesse le colorazioni grigie delle razze Giganti e colorazione nera dellAlaska, la Bianca di Vienna e il Russo. Nella colorazione Martora è ammesso oltre al bruno e al blu, anche il giallo (siamese). Per la descrizione si rimanda alle rispettive razze di riferimento.

 

6. Sottocolore

Si rimanda alle rispettive razze di riferimento

 

7. Presentazione

I soggetti non devono essere: sudici, ansimanti, anemici, sciancati, affetti da lacrimazione, sottoposti a manipolazioni tendenti a trarre in inganno la giuria, recanti tracce di tatuaggio recente o femmine a fine gravidanza.

Non devono avere: infiammazione ai genitali, zampe ulcerate, parassiti, croste nelle o sulle orecchie, muso e zampe.

 

Difetti Leggeri

Testa allungata, fine e appuntita; muso stretto; orecchie carnose, appuntite, poco ricoperte di pelo o eccessivamente distanziate alla base; collo lungo; soggetto poco sviluppato per la categoria; per i difetti di colorazione si rimanda alle rispettive razze di riferimento.

 

Difetti Gravi

Soggetti atipici; testa troppo stretta e allungata; orecchie sottilissime; soggetto non completamente sviluppato in rapporto alla categoria di presentazione in mostra; per i difetti di colorazione si rimanda alle rispettive razze di riferimento.


Cura ed igiene del coniglio


COME RICONOSCERE IL SESSO DI UN CONIGLIO

COME RICONOSCERE IL SESSO DI UN CONIGLIO - Allevamento conigli Nani

Una delle maggiori problematiche per chi acquista un coniglio è avere il dubbio se il venditore ha effettivamente saputo riconoscere il sesso dell’animale. Quante persone credevano di aver acquistato un maschio e poi si sono ritrovati una bella femminuccia o viceversa, e ancora peggio hanno comprato una coppia dello stesso sesso per evitare cucciolate e poi si sono ritrovati con un bel parto plurigemellare!!

Effettivamente riconoscere il sesso, specie in un cucciolo, non è molto facile poiché fino al secondo mese di vita si assomigliano molto e le caratteristiche che differenziano un maschio da una femmina sono lievi. Bisogna avere molta esperienza e a volte, anche gli allevatori, e ce ne sono diversi, sbagliano, i negozianti poi al 90% tirano ad indovinare.

Un bravo allevatore è in grado di riconosce il sesso di un coniglio dalla seconda settimana di vita.

La differenza fondamentale fra un maschio ed una femmina sono i testicoli laterali che crescono nel maschio ai lati superiori del pene, come si vede nella prima foto di un MASCHIO ADULTO. Ma i cuccioli maschi non hanno i testicoli fino al terzo mese di vita quando i sacchetti testicolari cominciano a svilupparsi, quindi bisogna solo attenersi alla valutazione del pene o della vulva. In un maschio adulto il pene è molto sviluppato ed ha una forma allungata inconfondibile, la femmina invece la si riconosce dalle grandi labbra della vulva che si sviluppano in forma ellittica come nella foto accanto di una FEMMINA ADULTA. In questo caso si nota anche un arrossamento che indica il calore sessuale della coniglia.

FOTO FEMMINA ADULTA

FOTO FEMMINA ADULTA - Allevamento conigli Nani

Per individuare il sesso del coniglio lo si deve prendere per la collottola in modo da evitare che scappi o vi graffi e lo si deve girare a pancia in su, appoggiato possibilmente con la parte sacro lombare ad un pianale. Dopo di che si preme con due dita sulla parte laterale del genitale del coniglio spingendo verso il basso la pelle, in modo tale da spingere verso l’alto il genitale. Nel maschietto il pene esce come un pistillo, come un piccolo cono che sfocia in un cerchio continuo ed omogeneo, nei cuccioli di femmina invece esce solo la parte superiore della vulva, mentre quella inferiore resta attaccata alla base fino a creare una figura come una foglia che termina a punta nella vetta. Diciamo quindi che il maschietto si riconosce perché il genitale forma un cerchio omogeneo nella parte superiore del piccolissimo pene e la femmina invece ha la piccola vulva a forma di una fogliolina.

Se acquistate un coniglio in un negozio, vi consigliamo di rivolgervi successivamente ad un veterinario esperto per accertarvi del sesso dell’animale, purtroppo in molti vengono da me dispiaciuti per essersi rivolti ad allevatori che nonostante il loro ruolo sbagliano lo stesso, ma questo è dovuto all’inesperienza della persona che probabilmente alleva da poco. In ogni caso, quando portate il coniglio dal veterinario per la prima vaccinazione chiedete anche la valutazione del sesso.


Grazie a Valentina Vignoli che mi ha lasciato molte delle informazioni presenti in queste pagine di informazioni e consigli utili!!



Come si tagliano le unghie ad un coniglio

Come si tagliano le unghie ad un coniglio - Allevamento conigli Nani

Tanti di voi mi chiedono se si possono tagliare le unghie ai conigli. La risposta è senz’altro SI’!
In natura i conigli usano le unghie soprattutto per scavare il terreno e per afferrare il cibo. Soprattutto la parte finale dell’unghia più appuntita, gli è indispensabile per riuscire a crearsi delle tane più velocemente possibile, sia per proteggersi dai predatori che dalle intemperie.
Un coniglio domestico che vive in appartamento necessita sempre delle sue unghie ma la parte finale, quella più appuntita può essere smussata tagliandola o semplicemente limandola.
E’ molto importante in presenza di bambini che giocano con il loro coniglietto, potrebbero farsi dei piccoli tagli involontari maneggìando l’animale. Ricordiamoci che le unghie sono una delle parti più sporche degli animali, ed una giusta pulizia e manutenzione è consigliata.
Per tagliare le unghie al vostro coniglio procuratevi un taglia-unghie per gatti, come si vede nella foto.
Inerite solo la primissima parte dell’unghia dentro la concavità delle forbiici e tagliata senza timore. Ricordate di tagliare sempre la parte trasparente dell’ughia senza mai arrivare alla parte più rosea del tessuto epidermico.
Le unghie si possono anche limare, ma questa operazione risulta più facile con i cuccioli e più difficile nei conigli adulti con l’ispessimento dell’unghia.
Si possono tagliare sia le unghie delle zampe anteriori che di quelle posteriori.
Ricordiamo che i conigli si proteggono soprattutto scalciando con le zampe posteriori e le unghie, è dunque necessario per un coniglio nano domestico tenere unghie non appuntite.
Consiglio inoltre una pulizia settimanale delle unghie con un batuffolo di cotone e sapone a PH neutro.

di Valentina Vignoli


VACCINAZIONE DEL CONIGLIO

Vaccinazione Conigli

Vaccinare i conigli è una protezione in pù che ogni padrone dovrebbe rispettare per il benessere del proprio coniglio.

Ci sono dei rivenditori di animali che danno una vera e propria disinformazione sulla questione asserendo che la vaccinazione non sia assolutamente necessaria, così facendo rassicurerà il possibile acquirente del coniglietto che lo comprerà e se ne andrà via contento perché non dovrà spendere una lira di veterinario, convinto, dall’assoluta “sapienza del negoziante” (che nel frattempo gli ha venduto un maschio per femmina!!??) di non doverlo mai vaccinare.

I conigli vanno vaccinati contro due patologie specifiche, la Malattia Emorragica del Coniglio e contro la Mixomatosi. Il primo vaccino va fatto a due mesi e dopo sarà necessario fare un richiamo ogni sei mesi. Il Libretto Sanitario del vostro coniglio dovrà essere conservato con cura e riportato dal medico ad ogni scadenza semestrale per il richiamo. Il medico compilerà il libretto con la data della vaccinazione e scriverà inoltre la prima data utile per la prossima.

Spesso si pensa che tenere un coniglio in casa lo renda immune dai virus, non è così. I virus specifici del conigli vengono trasmessi da vettori quali: pulci, zanzare, mosche che posso arrivare sia dall’aria, sia veicolati dalle nostre scarpe, quindi anche i conigli che vivono in appartamento senza uscire, sono lo stesso a rischio contagio.

La spesa di una vaccinazione varia dai 40 ai 60 euro, dipende dalla clinica che effettua la vaccinazione, ma è sicuramente una spesa insignificante rispetto al grande beneficio che ne deriva.


Ariete Nano Madagascar

La Colorazione Madagascar o Turingia:

Il sovracolore è di un forte giallo-bruno lucente. Le macchie sono di color fuliggine sfumata.Il ventre è scuro color fuliggine. Colorazioni leggermente più chiare o scure sono ammesse anche se è da preferirsi una tonalità intermedia. Gli occhi sono bruni. Le unghie sono scure.



La Sterilizzazione del coniglio

Sterilizzazione Coniglio

Il tema “STERILIZZAZIONE” scatena sempre opinioni diverse e contrastanti. C’è chi è contrario e chi a favore.
Molte persone escludono a priori la possibilità di sterilizzare un animale senza considerare che la sterilizzazione sia soprattutto una forma di protezione contro dei fattori a rischio che si possono presentare nella vita di un coniglio intero.
Un coniglio, sia maschio che femmina, comincia a produrre ormoni verso i 4/5 mesi di età ed entra nel ciclo della “Maturità Sessuale”, significa che l’animale è in calore.
Nella femmina, se denota un arrossamento della vulva con un conseguente rigonfiamento, questo serve per facilitare la penetrazione durante la monta. Nel maschio, si verificherà la totale discesa dei testicoli ed un prolungamento delle dimensioni del pene.
Sia il maschio che la femmina, cominceranno a montare altri individui se presenti. Anche se due femmine, oppure due maschi, avranno sempre l’istinto di montare  a volte anche la gamba del proprio padrone!
A quel punto potrete essere certi che il vostro coniglio può essere sterilizzato. La sterilizzazione non è assolutamente consigliata prima del 5° mese di vita, perchè l’apparato riproduttivo della femmina dovrà essersi formato ed ugualmente ci dovrà essere la totale discesa dei testicoli, inoltre il coniglio dovrà aver sviluppato almeno il 60% del peso corporeo raggiungerà da adulto altrimenti potrebbere verificarsi dei problemi durante l’intervento, specialmente per la tolleranza all’anestesia.

E’ consigliato comunque sterilizzare un coniglio prima della maturità sessuale cioè in quel lasso di tempo che intercorre fra la maturirà fisica ed il conseguente circolo ormonale, cioè 5/6 mesi, non più tardi.

La sterilizzazione presenta un rischio minimo per il maschio, poichè consiste nel taglio dei testicoli. E’ un intervento molto veloce e semplice. Invece, per la femmina, L’intervento è molto più invasivo e consiste nell’asportazione dell’apparato riproduttivo, anche l’anestesia deve essere somministrata in dosi maggiori. Per qusto motivo è necessario considerare lo stato di salute del coniglio, affinchè il Veterinario possa valutarne i possibili rischi in presenza di fattori sfavorevoli per l’intervento e decidere se operare o meno. Se una coniglia sta bene e non soffre patologie che potrebbereo mettere a rischio la sua vita durante l’intervento e con la somministrazione dell’anestesia, si può procedere tranquillamente.

L’intervento deve essere effettuato da un medico veterinario specializzato in “Animali Esotici”.

Un MASCHIO non sterilizzato può cominciare a marcare il territorio arrivato alla maturità sessuale, spruzzando urina un pò ovunque negli ambienti dove vive perdendo le buone abitudini, soprattutto in presenza di un altro maschio sul quale dovrà predominare o con la presenza di una femmina facendole sentire la proprià sessualità.  Due individui dell stesso sesso maturi sessualmente potrebbero anche attaccarsi a volte con aggressioni pericolose. Una maschio ed una femmina invece procreeranno nuove genie!

Una FEMMINA non sterilizzata potrebbe cominciare ad avere un atteggiamento aggressivo per l’aumento degli ormoni e ad avere delle gravidanze isteriche.

Il consiglio quindi è quello di sterilizzare il proprio coniglietto! 


Ariete Nano Siamese

La Colorazione Siamese:
Il pelo di superficie può essere bruno paglierino o bruno-blu, e forma una velatura sul fondo crema, che schiarisce man mano che si scende verso il fianchi; spalle e cosce sono più scure, contrariamente a petto, addome e bacino, che sono invece più chiari.


L’ Ariete Nano: Standard di razza

Origine

La razza proviene dai Paesi Bassi.

Diffusione

 Soprattutto in Germania, ma anche nel resto d’ Europa e nel mondo.

Caratteristiche della razza

 La principale è data della orecchie ricadenti, che devono essere lunghe dai 24 ai 28 cm da una punta all’altra. Altra caratteristica è la corporatura, estremamente compatta.

Note

 Grazie al carattere docile, è un compagno di giochi ideale per bambini. Il suo peso ideale si colloca tra 1,5 e 1,9 kg.


IL CARATTERE

IL CARATTERE - Allevamento conigli Nani

I conigli di razza Ariete Nano e il Nano Colorato vengono venduti come animali domestici da compagnia e non fanno parte della categoria dei conigli così detti “da carne”. Sono animali mervigliosi che riescono a stabilire forti legami affettivi, sia con i loro simili che con le persone che si prendono cura di loro. Non sono assolutamente animali aggressivi ed interagiscono perfettamente anche con i bambini o con altri animali presenti in casa. Adorano farsi coccolare e sono molto docili.
Non sono animali che possono vivere solo in gabbia, ma hanno bisogno delle loro ore di libertà durante il giorno. Consigliamo di lasciare libero il proprio coniglio solo quando si è presenti in casa e di rinchiuderlo in nostra assenza. 

Quando il cucciolo entrerà in casa vostra per la prima volta si sentirà spaesato e spaventato, dategli tempo di adattarsi con calma e non forzatelo in alcun modo. Permettetegli di perlustrare lo spazio a lui adibito e vedrete che piano piano si abituerà anche alla vostra presenza ed al vostro odore. Cercate sempre di tenerlo in braccio in modo tale che le zampette sia appoggiate sulle vostre braccia senza tenerlo a pancia girata, non si sentirebbe a suo agio.
Arrivati alla maturità sessuale, due o più conigli non sterilizzati dello stesso sesso possono montarsi e azzuffarsi ferendosi con i denti, consigliamo dunque di sterilizzare sempre i propri conigli anche se deciderete di adottarne solo uno. La femmina sente la necessità di riprodursi con gravidanze isteriche e il maschio potrebbe schizzare la sua urina ovunque per marcare il territorio perdendo la buona abitudine dell’uso della lettiera.
Se deciderete di prendere una coppia per farli riprodurre, tenete bene in considerazione che dopo la fecondazione la femmina avrà bisogno di una gabbia adatta con un nido dove partorire e dovrete allontanare il maschio per evitare episodi di cannibalismo verso i cuccoli. L’arrossamento dei genitali è un chiaro segnale che i conigli sono in calore.
E’ importante sapere che la femmina può essere di nuovo gravida dopo 24 ore dopo il parto, è bene quindi tenerla sempre lontana dal maschio ed unirli solo per la monta. 
Considerate che i conigli possono partorire fino a 12 cuccioli e che sarà facile trovare dei genitori adottivi per ognuno di loro, anche se li regalerete, suggeriamo dunque di acquistare uno o più cuccioli e farli sterilizzare appena possibile. 
(in foto Ariete Nano Chocolate – Import England. Esclusiva del mio allevamento.) 


Benvenuti nel nostro sito web

Benvenuti nel mio sito!! - Allevamento conigli Nani

Benvenuti nel mio sito web!

“La Stalla dei Conigli” non è solo un sito di vendita, ma soprattutto un manuale d’informazione sui conigli nani da compagnia, che a tutti gli effetti sono entrati a far parte ormai da anni fra gli animali d’affezione, come il cane ed il gatto.
Il mio scopo è quello di mettere la mia esperienza di allevatore a disposizione di tutti e in particolare di coloro che non hanno ricevuto quelle informazioni necessarie per la gestione del proprio coniglio. Navigando nel mio sito troverete tutto quello che riguarda la quotidianità del coniglio nano, informazioni sull’alimentazione, sull’educazione, sulle malattie del coniglio e tanto altro materiale che vi sarà senz’altro utile per conoscere meglio questi meravigliosi conigli nani. 
“La Stalla dei Conigli” supera le 600 visite giornaliere ed è diventato ormai un punto di riferimento per tante persone che cercano utili suggerimenti o apparofondimenti sulla vita del coniglio da compagnia. Sono molto felice che grazie alla mia esperienza in molti hanno apprezzato di più il valore di questi animali e della loro vita!
Tutti i cuccioli che vedete nella sezione “CUCCIOLI DISPONIBILI” sono allevati, selezionati e cresciuti esclusivamente da me e sono quindi tutti provenienti dal mio allevamento dove  potrete visionare i genitori e a volte anche i nonni del cucciolo che adotterete. Nessun cucciolo viene acquistato da commercianti per essere poi rivenduto! Infatti non sempre sono disponibili molti cuccioli, questo perchè dopo il parto e l’allattamento le fattrici vengono messe qualche mese a riposo.